Associazione IDEA Trieste Onlus
Istituto per la Prevenzione e la Ricerca della Depressione e dell'Ansia
Title
Vai ai contenuti

ANNO 2020:
                                               
 

 
Le nostre attività socio-culturali 2020 serviranno ad una borsa di studio IDEA oltre che al mantenimento della sede di via Don Minzoni,5. Più che mai la crescita dei soci sarà necessaria ricordando che la quota annuale è di 25.00.

 
Mese di febbraio:

 
Venerdì 21: pranzo di carnevale con o senza maschera! Via Luigi Cadorna, 19, Mimì e Cocotte è un piccolo gioiello a Trieste. Un ambiente curato con un menù molto valido e personale cortese e professionale.


    
              
               
(PURTROPPO LE ATTIVITA' CHE SEGUONO, SONO STATE TUTTE RIMANDATE A DATA DA DEFINIRE A CAUSA DELL'EMERGENZA COVID-19 COMPRESA LA SETTIMANA DEL CERVELLO CHE SARA' SPOSTATA PRESUMIBILMENTE A SETTEMBRE)

 
Venerdì 28: alle ore 17.00 presso il Caffè Tommaseo  con la dott.ssa Anna Rosa Rugliano  si parlerà di Teatro. A dieci anni dalla scomparsa verrà tratteggiata la figura di Lidia Kozlovich (1938-2009), attrice nota nell’ambiente italiano ma figlia di quella terra di confine che è l’Istria, da dove ha preso la strada dell’Accademia di Lubiana per approdare al Teatro Sloveno di Trieste. A Trieste non sono rari i personaggi che hanno sperimentato la divisione del confine, stato d’animo che  ha portato a soluzioni diverse ma tutte con una cifra in comune: la nostalgia e il desiderio di una patria senza confini. Più noto ed evidente è il caso di Fulvio Tomizza che ha portato nei suoi scritti il dramma e l’amore per la sua terra d’origine, ma non da meno è il caso di Lidia Kozlovich che, anche lei naturalizzata triestina, ha vissuto le due culture di qua e di là dal confine sulla scena. Sobria, fino quasi ad essere schiva, e pur sempre signorile di un’eleganza altera, ha amato dar voce a personaggi non solo ideali e letterari, ma soprattutto storici, a persone realmente vissute. In questa occasione verrà presentata la riedizione del volume “KL Cara Lidia” la sua autobiografia o biografia-intervista realizzata da Anna Rosa Rugliano per l’editore Battello Stampatore, con nuove testimonianze ed apparati, annali e indice dei nomi, utili a reperire le notizie nel testo. Il volume è sia in italiano che in sloveno con il titolo “KL Draga Lidia”, nella traduzione di Veronica Brecelj. Vi hanno collaborato il regista Marko Sosič, Franco Però Direttore del Teatro Rossetti-Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, Livia Amabilino Presidente del Teatro La Contrada e Ariella Reggio attrice, anima di questo Teatro nonché collega ed amica della Kozlovich, Renzo Stefano Crivelli autore dell’Altro Monologo, con cui ha dato voce a Nora Joyce interpretata dalla Kozlovich al Teatro Rossetti, Andrea Germani, suo allievo all’Accademia presso il Teatro La Contrada, Paolo Quazzolo che l’ha voluta docente al DAMS all’Università di Trieste, l’amico poetico dell’ultimo periodo  Franco Bruno e Gianni Gori, che le ha sottoposto dei copioni radiofonici proprio di personaggi storici, tra cui quello di Maria Callas, riproposto ultimamente in ben tredici puntate dalla RAI.
 
Seguirà un aperitivo alle ore 18.00 (costo da stabilire)

 
Mese di marzo:

 
Lunedì 2: presentazione alla mostra "Ritratto di donna. Il sogno degli anni Venti e lo sguardo di Ubaldo Oppi" presso aula magna Università 3 età, via Corti, dalle 16.30 alle 18.00. Relatrice: Fabienne Mizrahi.
 
Mercoledì 4: dalle 18.00 alle 19.00 presso il Centro Servizi per il Volontariato di via Imbriani,5 primo appuntamento con IDEAlmente informati “A tu per tu con lo specialista”. Il relatore e il titolo saranno indicati metà febbraio.
 
Venerdì 6:  visita alla mostra vicentina "Ritratto di donna. Il sogno degli anni Venti e lo sguardo di Ubaldo Oppi presso Basilica Palladiana: nell’Europa da poco uscita dalla Prima guerra mondiale le donne cominciano a conquistare un proprio ruolo: sempre più autonome, seduttive e moderne. I capelli si accorciano come la lunghezza delle gonne, mentre la loro influenza nella società e nella cultura si fa sempre più intensa. Coco Chanel cambia la moda, Amelia Earhart attraversa in volo l’Atlantico, i balli di Josephine Baker incantano Parigi.
 
Anche in Italia soffia un vento nuovo e di questa donna differente, così diversa dal modello anteguerra, offre un ritratto magnetico il pittore Ubaldo Oppi, cresciuto a Vicenza ma formatosi fra Vienna, Parigi e Venezia, poi divenuto milanese dopo essere stato ‘scoperto’ da Margherita Sarfatti e Ugo Ojetti che stanno cercando uno «stile italiano» nell’arte. Ma Oppi non è il solo, perché la nuova donna appare nella pittura di Felice Casorati come di Mario Cavalieri, di Mario Sironi come di Piero Marussig. Assolutamente padrone del loro tempo, quelle figure escono anche dalla cronaca per rievocare un mito, quello di donne fatali e potenti come le amazzoni o di muse ritratte in una magica sospensione, eternate nei valori di un seducente classicismo. Immagini di grande fascino (un centinaio le opere esposte, fra dipinti, disegni, sculture, abiti e gioielli) sapranno conquistare i visitatori della mostra in un racconto inedito della modernità degli anni Venti, rappresentato dalle donne icone della pittura di Ubaldo Oppi.
 
         

 
 
Venerdì 27: ore 17.00 presso Marina San Giusto “The Roof” concerto di primavera. Avremo con noi l’arpista Irene Pauletto ( mi permetto di aggiungere : bella e brava). L'arpa, uno degli strumenti più antichi e affascinanti! Seguirà un aperitivo. Costo da individuare
 
         


Nata nel 1999, Irene Pauletto ha iniziato lo studio dell’arpa a 6 anni presso la scuola di musica della Fondazione musicale Santa Cecilia di Portogruaro con il M° Nicoletta Sanzin dove si è diplomata nel settembre 2017 con 10, lode e menzione speciale. Si è inoltre perfezionata con Mario Falcao, Letizia Belmondo e Patrizia Tassini. Ha partecipato al Torneo Internazionale di Musica di Parigi ottenendo il diploma d’onore e, superata la selezione, nel luglio del 2017 si è esibita al “Focus on Youth” nell’ambito del 13° Congresso Mondiale dell’arpa tenutosi ad Hong Kong.
 
 
Mese di aprile:

 
Inizio mese (data da definire) una visita speciale e sicuramente interessante con il mondo delle api.  



 
Vi proponiamo una visita guidata presso la fattoria didattica Settimi & Ziani. L'azienda  apistica a conduzione familiare, è situata nella splendida località di Trebiciano sul Carso Triestino, territorio caratterizzato dalla varietà  di piante autoctone e per l'assenza  di pesticidi, eccellente habitat per lo sviluppo dell'apicoltura che costituisce l'attività primaria della stessa. IL MIELE DI MARASCA DEL FRIULI E' IL PIU’ BUONO D’ITALIA: LO HA STABILITO A MONTALCINO IL CONCORSO NAZIONALE “ROBERTO FRANCI”. AL SECONDO POSTO, IL MIELE DI ROSMARINO DELL'ABRUZZO E UN MIELE DI ACACIA DELLA LOMBARDIA. Il miglior miele d’Italia? E’ quello di marasca, prodotto in Friuli. Lo ha stabilito a Montalcino una giuria di esperti degustatori del “dolce prodotto” nel concorso nazionale “Roberto Franci” della “Settimana del Miele” (9-11 settembre), la più importante kermesse del mondo dell’apicoltura in Italia. Il miele vincitore arriva dall’apicoltura “Settimi e Ziani” di Trebiciano (Trieste): prodotto solo in poche annate, il raro miele di marasca deriva da una specie selvatica, il Prunus mahaleb (ciliegio canino), che cresce spontanea esclusivamente sull’altipiano carsico. Di colore ambrato scuro, cristallizza lentamente ed è caratterizzato da un forte aroma di mandorla amara e sciroppo di amarene. Ben 16 esperti assaggiatori, iscritti all’Albo Nazionale e provenienti da tutta Italia, coordinati dall’apicoltore e degustatore di miele Marco Valentini, hanno emesso la loro “sentenza” dopo un’attenta prova di assaggio di oltre 170 mieli (valutazione dei caratteri di igiene, purezza, colore, aroma e gusto) ed una rigorosa analisi chimica preliminare. Il concorso di Montalcino ha premiato al secondo posto (ex equo) il miele di rosmarino prodotto dall’apicoltore Luca Finocchio di Tornareccio (Chieti), e il miele di acacia prodotto dall’apicoltore Alberto Magnani di Pavia. Ma a Montalcino sono state presentate una miriade di varietà di miele provenienti da tutta Italia - dall’asfodelo al tarassaco, dal nespolo del Giappone al timo dei Monti Iblei, dalla marruca di Maremma alla sulla Senese, dal rododendro al rosmarino, dal biancospino all’erica, dall’erba medica al trifoglio, dalla lavanda al corbezzolo - a testimonianza del lavoro svolto dagli oltre 75.000 apicoltori italiani, che possiedono 1,1 milioni di alveari ed una popolazione di 55 miliardi di api. Il concorso nazionale “Roberto Franci” ha, quindi, premiato anche altri mieli che sono arrivati da ogni regione, divisi per le varie categorie in concorso: si va dal miele di acacia a quello di agrumi, passando per il miele di girasole, tiglio e millefiori. Un’enorme quantità di dolcezze tutte diverse per consistenza, sapore e profumo, ma accomunate da genuinità e salubrità.
 
Seguirà un pranzo. Costi da comunicare.

 
Venerdì 17: dalle 18.00 alle 19.00 presso il Centro Servizi per il Volontariato di via Imbriani,5 secondo appuntamento con IDEAlmente informati “A tu per tu con lo specialista”. Il relatore e il titolo saranno indicati fine febbraio.
 
Giovedì 23: in collaborazione con l’Università della 3 età (Aula magna) conferenza dal titolo: La chirurgia plastica per la donna : Estetica e non solo -  Relatrice: Dott.ssa Valentina Visintini Cividin -Chirurgo plastico. (orario da definire)
 
La chirurgia plastica plasma i tessuti sia a scopo estetico che ricostruttivo, ridando forma e funzione dopo un intervento demolitivo, spesso per motivi oncologici, o dopo un trauma importante, ricercando il miglior equilibrio possibile tra forma, funzione e armonia, per il massimo benessere psico- fisico dell’individuo. Il chirurgo plastico opera con alta capacità tecnica, ma anche con tatto e finezza psicologica, per la promozione di un’ idea di bellezza non stereotipata e replicabile, ma da intendersi  come opera unica, in grado di esaltare l’individualità del singolo paziente. La chirurgia estetica non è la chirurgia del superfluo o della vanità, poiché permette a persone, prevalentemente donne, che soffrono di difetti legati al loro aspetto, spesso accentuati dall’invecchiamento, di gratificare se stessi, migliorando la propria autostima.
 
 
Da segnalare sabato 4 aprile alle 17.30 la presenza unica del Cirque du Soleil a Roma con in programma TOTEM
 
 
 



Mese di maggio:

 
Sabato 9 : visita di Fagagna con pranzo ristorante YUPPI posticino piccino e grazioso ma una vera delizia per i palati friulani. Pizza favolosa, una delle migliori mai mangiate. Antipasto di verdure sottolio dai sapori mediterranei, birra artigianale napoletana e i famosi peperoni cruschi. Ottimi i digestivi al cedro e al bergamotto, cugini del più rinomato limoncello. Il titolare intrattiene la clientela con simpatia e raccontando simpatici aneddoti sui suoi magici piatti.
 
Programma dettagliato e costo da definire.

 
Metà mese (data da definire):  a Muggia alla scoperta dello spugnificio Rosenfeld, il più antico d'Europa.
 
         
 
C'è nonno Paolo, in una foto in bianco e nero, accanto a delle "balle" di spugna pressata, avvolte nella juta, che già nel 1900 veniva esportata ovunque nel mondo, perché il materiale in questione era indispensabile per qualsiasi lavoro. E' l'inizio della storia dello stabilimento Rosenfeld, a Muggia, il più antico d'Europa tra quelli ancora in attività.



 
Dopo la visita guidata con la Sig.a Rosenfeld, pranzo a Muggia. Costi da definire.

 
Fine maggio :   Barcola – Via del Cerreto 4 (da definire data e costo)
 
 
Mese di giugno:

 
Sabato 6: pranzo presso L’Oro di Napoli , Porto Piccolo, Sistiana. Da definire.

 
Venerdì 19 : gita fuori porta per visitare la Villa de Piccoli, Savorgnan di Brazzà, Martinengo a Manzano. La visita consente di ammirare la meravigliosa fronte della villa. Molto bella la vista del viale del giardino.



 
          Villa Piccoli Brazzà Martinengo [SECOLO XVIII (1715)]

 
Il complesso padronale, situato nel piccolo borgo di Soleschiano, è costituito dall'edificio padronale e da un annesso rustico addossato alla villa in posizione arretrata sul lato nord orientale. Un cortile d'onore ornato da un pozzo centrale e chiuso da un basso muro lungo il quale si sviluppa la peschiera precede la villa. Sul retro si estende un ampio parco che si prolunga nella campagna attraverso un lungo viale alberato. Un'iscrizione sulla villa ricorda che essa fu costruita dai fratelli Ascanio e Marzio Piccoli nel 1715. Passata in seguito alla famiglia Brazzà, dal 1951 la villa appartiene alla famiglia Martinengo che ne ha curato il restauro in diverse fasi. Tra le persone illustri che vi dimorarono, vi è il letterato Ippolito Pindemonte che fu ospite della contessa Giulia Piccoli. Uno dei fondatori, Ascanio Piccoli, rivestiva nei primi anni del settecento la carica di Provveditore ai Confini della Repubblica di Venezia. Il prestigio di questa carica, normalmente conferita a membri del patriziato veneto, si riflette nella qualità della villa e nella scelta dell'architettura tipicamente veneta. La villa riprende il tipo del palazzo urbano di forma cubica. La pianta presenta un salone centrale passante e gli ambienti laterali; la distribuzione verticale è affidata ad una scala a due rampe collocata tra gli ambienti di destra. La tripartizione interna è denunciata in facciata dall'asse centrale verticale costituito dal portale d'ingresso al quale corrispondono superiormente le tre finestre del piano nobile, le aperture simili a una serliana del secondo piano e il fronzone rialzato sopra il cornicione. Il parco retrostante fu disegnato dal conte Ascanio Savorgnan di Brazzà (1793 - 1877), padre dell'esploratore Pietro, che progettò inoltre importanti parchi a Roma tra i quali quello del Pincio. Successivamente, nel 1877 il conte Detalmo derivò un ramo della roggia di Buttrio per alimentare un piccolo laghetto. Il parco si sviluppa secondo gli stilemi paesistici per circa sei ettari ed è caratterizzato, sul pendio di una collinetta, da una costruzione che imita antiche rovine romane.
 
Seguirà un pranzo. Programma dettagliato seguirà.

 
 
Mese di luglio:

dal 12 al 22 luglio  -  "NAVIGANDO DA SAN PIETROBURGO A MOSCA"
 
 

PROGRAMMA DI VIAGGIO = orari dei voli indicativi – quotazioni indicative
 
 
1. GIORNO  - domenica 12 luglio 2020 – TRIESTE / VENEZIA / SAN PIETROBURGO
 
Alle ore 05.30 circa partenza da Trieste con minibus riservato per l’aeroporto di Venezia. Arrivo alle ore 07.30 circa e inizio delle operazioni di imbarco.
 
Alle ore 10.00 partenza con volo di linea per San Pietroburgo, con scalo a Monaco.
 
Arrivo a San Pietroburgo alle ore 15.50. Operazioni di sbarco.
 
Trasferimento con assistenza all’imbarco sulla motonave Rachmaninov**** Prestige o similare.
 
Riunione turistico-informativa sull’itinerario. Cena e pernottamento a bordo.
 
 
2. GIORNO – lunedì 13 luglio – SAN PIETROBURGO
 
Pensione completa. Pranzo in ristorante.
 
In mattinata partenza per un giro panoramico che permetterà di scoprire i luoghi di maggiore interesse di una delle più belle città del mondo: il Nevskij Prospekt, la via più importante ed animata della città e l’Ammiragliato. Visita della fortezza dei SS Pietro e Paolo, nella cui cattedrale si potranno ammirare le tombe degli Zar della dinastia Romanov, di cui l’ultimo fu Nicola II. Nel pomeriggio visita dell’Ermitage, uno dei più importanti musei della Russia, situato all’interno del Palazzo d’Inverno che ospita le sale dedicate ai pittori della scuola italiana, fiamminga, spagnola, olandese, tedesca e francese, in particolare una ricca collezione di Rembrandt e dei pittori olandesi del XVII secolo. Rientro a bordo per la cena e nel dopocena possibilità di escursione facoltativa.
 
 
3. GIORNO – martedì 14 luglio – SAN PIETROBURGO
 
Pensione completa a bordo.
 
Intera giornata a disposizione per visite individuali e/o escursioni facoltative e shopping. Nella prima serata partenza per Mandroga. Cocktail di benvenuto del Comandante e cena.
 
 
4. GIORNO – mercoledì 15 luglio – MANDROGA
 
Pensione completa. Pranzo a terra con shashlik e folklore.
 
Navigazione lungo il fiume Svir, che collega i laghi Ladoga e Onega, nel cuore della Carelia, attraverso paesaggi di rara bellezza e, a fine mattinata, sosta a Mandroga, un grazioso villaggio dove sarà possibile osservare le tipiche “isbe”, le caratteristiche abitazioni contadine costruite con tronchi d’albero. Il pranzo verrà effettuato a terra in un contesto campestre, si potranno gustare i famosi shashlyk russi, tipici spiedini di carne, pollo, pesce o verdure, e durante lo stesso si assisterà ad uno spettacolo folkloristico di alto livello. Nel pomeriggio partenza per Kiji.
 
 
5. GIORNO – giovedì 16 luglio – KIJI – PERLA DELLA CARELIA
 
Pensione completa a bordo.
 
Navigazione lungo il fiume Svir e successivamente sul Lago Onega per raggiungere in prima mattinata, nella sua parte settentrionale, la piccola isola di Kiji, classificata dall’Unesco “Patrimonio dell’Umanità”. Lunga 8 km e larga 1,5 km, Kiji è un gioiello dell’architettura in legno del XVIII sec. Visita del museo all’aperto di architettura popolare lignea.
 
Partenza quindi per Goritzy.
 
 
6. GIORNO – venerdì 17 luglio – GORITZY
 
Pensione completa a bordo.
 
A fine mattinata, dopo aver attraversato il famoso Canale Volga-Baltico e il lago Bianco, arrivo a Goritzy. Dal suo piccolo molo si partirà in autopullman per raggiungere il Monastero di San Cirillo del Lago Bianco, situato a circa 8 km di distanza, attraversando un parco naturale ricco di vegetazione e laghi, in passato uno dei più importanti luoghi di culto della religione ortodossa, eretto nel XIV secolo. Nel pomeriggio partenza per Jaroslavl.
 
 
7. GIORNO – sabato 18 luglio – JAROSLAVL
 
Pensione completa a bordo.
 
Nel pomeriggio arrivo a Jaroslavl. Visita di questa antica città russa, fondata da Jaroslavl il Saggio nel 1010 ed importante porto situato alla confluenza del Volga con il fiume Kotorosl. I maestri artigiani di Jaroslavl erano rinomati in tutta la Russia. Visita alla chiesa del profeta Sant’Elia, costruita a metà del XVII secolo, che si impone come cuore architettonico della città. Visita esterna del Monastero della Trasfigurazione.
 
In serata partenza per Ouglitch.
 
 
8. GIORNO – domenica 19 luglio – OUGLITCH
 
Pensione completa a bordo.
 
In mattinata arrivo a Ouglitch, piccola città fondata nel X secolo, una delle più affascinanti della vecchia Russia e del famoso Anello d’Oro. Passeggiata lungo le vie di questa cittadina per ammirare la Chiesa di San Dimitri e la Cattedrale della Trasfigurazione. A fine mattinata partenza per Mosca. Cena di commiato del Comandante.
 
 
9. GIORNO – lunedì 20 luglio – MOSCA
 
Pensione completa a bordo.
 
A fine mattinata  (all’ora di pranzo circa) arrivo a Mosca. Visita panoramica della capitale della Russia con le principali attrattive: la Piazza Rossa, la Chiesa di San Basilio, l’Università di Stato Lomonossov, il Monastero Novodevichy, uno degli esempi più alti dell’architettura religiosa della città, il GUM, famosa galleria commerciale (vedute esteriori).
 
In serata possibilità di escursione facoltativa.
 
 
10. GIORNO – martedì 21 luglio – MOSCA
 
Pensione completa. Pranzo in ristorante.
 
In mattinata visita del Cremlino, città fortificata nel cuore della città e simbolo eclatante di potere, insieme di palazzi e cattedrali: dell’Assunzione, dell’Annunciazione, dell’Arcangelo Michele (visita interna di una cattedrale) accanto a curiosità come la Campana Zarina.
 
Pomeriggio e serata a disposizione per visite individuali e/o escursioni facoltative.
 
 
11. GIORNO – mercoledì 22 luglio – MOSCA / VENEZIA / TRIESTE
 
Prima colazione a bordo.
 
Sbarco, trasferimento all’aeroporto e rientro in Italia.
 
A seconda dell’orario del volo, possibilità di partecipare ad un’escursione facoltativa oppure trasferimento in città, tempo libero per visite individuali e/o shopping, in seguito trasferimento all’aeroporto in tempo utile per la partenza.
 
Il rientro del gruppo potrebbe avvenire alle ore 16.10 con arrivo a Venezia alle ore 22.55, con scalo a Monaco. All’arrivo a Venezia, operazioni di sbarco, quindi incontro con minibus riservato e partenza per il rientro a Trieste. Arrivo alle ore 02.30 circa di giovedì 23 luglio.
 
Termine del viaggio.
 
 
 
QUOTA INDICATIVA DI PARTECIPAZIONE, a persona:
 
calcolate su minimo 10 paganti:
 
con sistemazione in Junior Suite sul ponte superiore (19 mq)………….…………….            €     2.960,00
 
con sistemazione in cabina doppia ponte superiore a prua (9 mq)………….……….         €     2.660,00
 
con sistemazione in cabina singola sul ponte lance (7 mq)………….…………….     €     3.200,00
 
 
 
La quota comprende:
 
- Trasferimento in minibus privato da Trieste all’aeroporto di Venezia e ritorno;
 
- volo di linea Venezia/San Pietroburgo e Mosca/Venezia, via Monaco; franchigia 1 bagaglio in
 
 stiva da 20 kg;
 
- i trasferimenti a/r dall’aeroporto al porto e viceversa a Mosca e a San Pietroburgo;
 
- sistemazione a bordo nella cabina prescelta, con servizi privati;
 
- 10 notti a bordo della M/n Rachmaninov**** Prestige con trattamento di pensione completa,
 
 dalla cena del primo giorno alla prima colazione dell’ultimo (prima colazione a buffet, pranzo e
 
 cena à table d’hôte);
 
- the e caffè durante i pasti;
 
- un pranzo in ristorante a San Pietroburgo e un pranzo in ristorante a Mosca;
 
- intrattenimenti a bordo con Cocktail di Benvenuto e Cena di Commiato del Comandante,
 
 cerimonia del pane e del sale, serate danzanti, giochi, corsi di lingua, canti, balli, artigianato  
 
 russo;
 
- visite previste con guide in lingua italiana (in alcune località la disponibilità di guide con
 
 conoscenza della lingua italiana potrebbe essere limitata, in tal caso verrà utilizzato il personale
 
 della Giver per le traduzioni;
 
- le tasse aeroportuali, da riconfermare al momento dell’emissione dei biglietti aerei
 
 (considerate attualmente pari a Euro 270,00);
 
- percentuali di servizio, tasse ed IVA.
 
 
La quota NON comprende:  vino, bevande, quota di servizio* e tutti gli extra in genere; le escursioni facoltative; qualsiasi servizio non indicato nella quota comprende; le spese per il visto consolare obbligatorio, pari a Euro 80,00 a persona (con procedura ordinaria); le spese personali.
 
 
*Quota di servizio: Giver, nel rispetto della tradizione crocieristica, indica Euro 50,00 per persona, destinata all’equipaggio da regolarsi in loco; per le guide locali e gli autisti durante le visite, la mancia è a discrezione del cliente.
 
 
 
DOCUMENTI:  PASSAPORTO E VISTO CONSOLARE
 
Per recarsi in Russia è necessario il passaporto con almeno 6 mesi di validità oltre la data di rientro dal viaggio e almeno 2 pagine libere, nonché il visto consolare per il cui ottenimento con procedura ordinaria (Euro 80,00) la documentazione dovrà pervenire a Giver almeno 30 giorni prima della partenza. E’ possibile richiedere il visto con procedura d’urgenza al costo di Euro 135,00.
 
Per l’ingresso in Russia il passaporto deve essere integro e provvisto del timbro della questura emittente. Consigliamo pertanto di verificarne lo stato in tempo utile.
 
 
 
SUPPLEMENTI
 
per sistemazione in cabina doppia ponte superiore a prua uso
 
singola…………………………………………………………………………………………..                      €   1.025,00
 
 
 
Pagamenti a bordo:  Il pagamento delle escursioni facoltative potrà essere effettuato in contanti Euro o con carta di credito.
 
I pagamenti a bordo presso i bar e servizi vari potranno essere effettuati in contanti Rubli / Euro o con le seguenti Carte di Credito: Visa, Mastercard (consigliamo di portare con sé il proprio Codice Pin).
 
 
NOTA BENE:
 
-          L’itinerario e le soste sono soggette a variazioni da parte del Comandante in caso di condizioni meteorologiche avverse o qualora il livello delle acque non permettesse di proseguire la navigazione, in relazione ai passaggi delle chiuse; per ragioni di sicurezza o per causa di forza maggiore uno o più scali potrebbero essere soppressi, tuttavia questi casi sono rarissimi.
 
-          Tutti gli orari sono indicativi e suscettibili di variazioni;
 
-          Tutto quanto indicato nell’itinerario descrittivo è soggetto a variazioni che saranno comunicate direttamente a bordo con il programma del giorno in relazione ad esigenze organizzative.
 
-          Le navi fluviali in genere NON sono dotate di ascensori. Questa crociera è sconsigliata alle persone disabili in quanto la nave non è equipaggiata adeguatamente.
 
 
ESCURSIONI FACOLTATIVE:
 
Oltre alle visite incluse negli itinerari verranno proposte a bordo escursioni facoltative di cui facciamo alcuni esempi, l’elenco definitivo verrà fornito a bordo dove sarà possibile la prenotazione ed il pagamento in contanti Euro o con carta di credito Visa o Mastercard (quote indicative in Euro):
 
Mosca:
 
-          Mosca “by night”+ metro…………………………………………………..…..                  Euro  45,00
 
-          Armeria e Tesori dello Zar (da prenotare unicamente durante la crociera)Euro  60,00
 
-          Spettacolo Folclore…………………………………………………………………                   Euro  70,00
 
-          Kolomenskoe………………………………………………………………………….                  Euro  45,00
 
San Pietroburgo:
 
-          Petrodvoretz (Palazzo d’estate e parco)……………………………………                             Euro  85,00
 
-          Spettacolo folclore…………………………………………………………………                   Euro  55,00
 
-          Palazzo Pavlovsk……………………………………………………………………                    Euro  50,00
 
-          Palazzo di Caterina I (Pushkin-da prenotare unicamente durante la crociera)    Euro  65,00
 
-          Giro dei canali…………………………………………………………………………                   Euro  45,00
 
 
 
M/N RACHMANINOV***Prestige
 
Una nave completamente ristrutturata in esclusiva Giver per il mercato italiano.
 
La M/n Rachmaninov****Prestige, opera sulla destinazione dal 2014 e deve il suo nome al famoso compositore russo. Offre alla clientela italiana la possibilità di percorrere questo splendido itinerario senza rinunciare al comfort. In origine aveva una capacità di 270 passeggeri, dopo la ristrutturazione del 2014 la stessa è stata ridotta a 200 con la creazione di 36 junior suite dalla dimensione raddoppiata rispetto alle cabine standard, per offrire un comfort più elevato alla clientela.
 
Se l’aspetto esteriore rimane identico, l’interno è stato interamente ristrutturato per rendere la vita a bordo ed il vostro benessere ancora più confortevoli, equipaggiamenti all’avanguardia, interni dal design contemporaneo, cabine completamente ristrutturate e accoglienti. La nave dispone di un grande ristorante panoramico, due bar piacevolmente decorati ed arredati, Sala Feste e conferenze, nell’ambito dei quali verranno organizzate attività varie. Tuttavia, così come in genere su tutte le navi fluviali, a causa delle dimensioni ridotte degli spazi comuni, la vita di bordo non può offire lo stesso standard delle navi da crociera marittima, ma solo con questo tipo di navi è possibile raggiungere luoghi incontaminati e godere di meraviglie naturalistiche e architettoniche uniche al mondo. La nave è inoltre dotata di una boutique, servizio lavanderia, medico di bordo, servizio internet e Wi-Fi gratuito (salvo copertura di rete).
 
La nave dispone di 60 cabine standard a 2 letti bassi di circa 9 mq ubicate sul ponte principale e superiore, 8 cabine singole di circa 7 mq ubicate sul ponte lance, con ampia finestra panoramica apribile, e 36 junior suites ubicate sui ponti superiore e lance di circa 19 mq, con doppia finestra panoramica, letto matrimoniale (convertibile in 2 letti bassi) e sofa utilizzabile eventualmente come terzo letto.
 
Tutte le cabine standard e le junior suites sono dotate di TV a schermo piatto, phon, telefono, cassaforte, aria condizionata regolabile individualmente e filodiffusione (frigo solo nelle Junior Suite).
 
Caratteristiche principali della nave:
 
-          Lunghezza 129 metri – larghezza 16,7 metri
 
-          Capacità 200 passeggeri circa
 
-          Cabine doppie o singole standard esterne con finestra panoramica apribile
 
-          Junior suite esterne con doppia finestra panoramica apribile
 
-          2 bar di cui 1 sala feste
 
-          Sala conferenze
 
-          Biblioteca
 
-          Servizio internet (Wi-Fi gratuito)
 
-          Coiffeur
 
-          Ristorante
 
-          Solarium
 
-          Negozio souvenirs
 
-          Servizio lavanderia
 
-          Corrente elettrica: 220 V
 
 
 
CONDIZIONI DI PAGAMENTO (da riconfermare):
 
30% al momento della conferma; saldo entro 60 giorni prima della partenza del gruppo.
 
 
 
CONDIZIONI DI CANCELLAZIONE:
 
Al consumatore che receda dal contratto prima della partenza, sarà addebitata a titolo di penale la relativa percentuale della quota di partecipazione a seconda del numero di giorni che mancano alla data di partenza del viaggio escludendo dal computo i giorni festivi, il giorno di partenza e quello di comunicazione dell’annullamento:
 
- 10% + spese d’iscrizione, sino a 30 gg. prima della partenza del viaggio;
 
- 25% + spese d’iscrizione, da 29 a 20 gg. prima della partenza del viaggio;
 
- 50% + spese d’iscrizione, da 19 a 10 gg. prima della partenza del viaggio;
 
- 75% + spese d’iscrizione, da 9 a 3 gg. prima della partenza del viaggio;
 
Nessun rimborso dopo tale termine.
 
 
Nessun rimborso spetta al Viaggiatore che rinuncia a proseguire il viaggio durante il suo svolgimento, né al viaggiatore che non può effettuare il viaggio per mancanza, invalidità o insufficienza dei previsti documenti personali necessari all’espatrio e/o all’ingresso nei paesi da visitare.
 
Nell’ipotesi in cui a seguito del recesso del Turista siano già stati emessi titoli relativi a biglietteria o servizi non rimborsabili, gli importi degli stessi saranno addebitati in aggiunta alle suddette percentuali di penale.
 
In nessun caso la quota di iscrizione potrà essere rimborsata. L’Organizzatore si riserva tuttavia senza impegno né responsabilità di: - rimborsare eventuali somme recuperate per servizi non usufruiti a seguito di rinunce; - rimborsare eventuali somme recuperate relative ai Servizi non usufruiti in corso di viaggio o per diverse prestazioni ottenute sempre che il viaggiatore fornisca documentazione scritta.
 
 
 
 
-       In caso di conferma abbiamo bisogno delle fotocopie dei passaporti di tutti i partecipanti – successivamente chiederemo tutti gli ulteriori dettagli necessari per l’ottenimento del visto d’ingresso in Russia.
 
-       Facciamo inoltre notare che una volta bloccati i posti e inseriti i nomi dei partecipanti non si possono più fare variazioni, se non con dei supplementi.
 
 
 
 
 
AL MOMENTO ABBIAMO UN’OPZIONE PER 6 JUNIOR SUITE SUL PONTE SUPERIORE + 3 DOPPIE SUL PONTE SUPERIORE A PRUA, CHE STIAMO TENTANDO DI POSTICIPARE FINO AL 15 FEBBRAIO P.V.
 
 
 
 
Trieste, 31 gennaio 2020
 
Mese di settembre:

L’Arco di Trionfo, a Parigi, cambierà presto volto grazie a Christo. Parigi, nel pieno del fermento culturale che sta vivendo grazie all’apertura di nuovi musei e gallerie d’arte, attende per l’autunno 2020 un’eccezionale installazione a opera dell’artista bulgaro Christo che, nel 2016, fece camminare centinaia di persone sulle acque del Lago d’Iseo grazie all’entusiasmante progetto Floating Pears. Ma non solo: in più di trent’anni di carriera, Christo e la moglie Jeanne Claude (oggi scomparsa) hanno stupito il mondo con incredibili installazioni quali, per citarne alcune, l’impacchettamento” della Statua equestre di Vittorio Emanuele II a Milano, di undici isole della baia di Biscayne a Miami e The Gates, percorso di 37 chilometri attraverso Central Park a New York. L’artista, tra i maggiori esponenti della Land Art, tutt’ora continua con grande energia il progetto nato con la moglie e, questa volta, si cimenterà con la grandiosa impresa di “impacchettare” nientemeno che l’Arco di Trionfo, simbolo parigino inaugurato nel 1836 per festeggiare la vittoria nella battaglia di Austerlitz, ricoprendolo con ben 25.000 metri quadrati di tessuto e 7000 metri di corda.


 
 
 

 
In questo caso, il tessuto utilizzato sarà il polipropilene, in grado di mostrare una diversa tatticità. La mega installazione che vedrà protagonista l’Arco di Trionfo durerà 16 giorni, dal 19 settembre al 4 ottobre 2020, e già da ora suscita grande attesa, come tutte le opere volute da Christo, artista contemporaneo che sa far intervenire la sua arte direttamente sul territorio, con installazioni visibili e fruibili soltanto per un dato periodo di tempo, aspetto che le rende ancora più imperdibili.
 
L’opera artistica parigina, al pari di tutti i lavori di Christo, sarà a costo zero. Infatti, non si renderà necessario alcun fondo pubblico o privato, ma i costi verranno coperti interamente dalla vendita dei disegni progettuali che l’artista realizza negli anni precedenti all’effettiva installazione.


 
         
 

 

Spero che questo programma vi sarà gradito. Partecipate numerosi/e e passate parola.. Le persone che hanno problemi di depressione ed ansia sono tante, sempre di più. Ribadisco l’importanza di “crescere”.
 

 
A tutti gli Amici/Amiche IDEA un grande GRAZIE!     
 
Dott.ssa Fabienne Mizrahi

Dopo mesi di chiusura finalmente la sede IDEA          di via Don Minzoni, 5 riapre!

Rispettando le normative per la            sanificazione degli ambienti "chiusi" la sede IDEA sarà            aperta nuovamente dal 26 maggio prossimo: abbiamo provveduto            alla sanificazione della sala per Gruppi Auto-Aiuto, del            bagno del primo piano. Inoltre il giardino ha ritrovato il            suo antico splendore... malgrado due mesi di trascuratezza! Sarà dunque possibile partecipare ai G.A.A            (non più di 6 persone dentro - massimo 12 persone in            giardino mantenendo il distanziamento richiesto). Non            saranno servite bevande ne all'interno del locale ne fuori            in giardino. Anche fuori i partecipanti ai G.A.A dovranno            rispettare certe regole che saranno elencate all'entrata            della sede. Chi verrà dovrà portare maschera e guanti.
       
Vi aspettiamo ma ricordiamoci: non              dobbiamo abbassare la guardia!

       
Le nostre attività socio-culturali per il            mantenimento della sede IDEA e borsa di studio saranno            svolte all'aperto rispettando rigorosamente tutte le norme            di sicurezza. Vi propongo:
                                                                                                                                       
       
Venerdì                  12 giugno:              alle ore 18.00 presso la terrazza del Ristorante Marina                San Giusto the Roof              con la dott.ssa                Anna Rosa Rugliano  si              parlerà di Teatro              tratteggiando la figura di LIDIA KOZLOVICH:
           
                 
A dieci anni              dalla scomparsa verrà tratteggiata la figura di Lidia Kozlovich                (1938-2009), attrice nota nell’ambiente italiano ma              figlia di quella terra di confine che è l’Istria, da dove              ha preso la strada dell’Accademia di Lubiana per approdare              al Teatro Sloveno di Trieste. A Trieste non sono rari i              personaggi che hanno sperimentato la divisione del              confine, stato d’animo che              ha portato a soluzioni diverse ma tutte con una              cifra in comune: la nostalgia e il desiderio di una patria              senza confini. Più noto ed evidente è il caso di Fulvio              Tomizza che ha portato nei suoi scritti il dramma e              l’amore per la sua terra d’origine, ma non da meno è il              caso di Lidia                Kozlovich che, anche lei naturalizzata triestina, ha              vissuto le due culture di qua e di là dal confine sulla              scena. Sobria, fino quasi ad essere schiva, e pur sempre              signorile di un’eleganza altera, ha amato dar voce a              personaggi non solo ideali e letterari, ma soprattutto              storici, a persone realmente vissute. In questa occasione                verrà presentata la riedizione del volume “KL Cara                Lidia” la sua autobiografia o biografia-intervista                realizzata da Anna Rosa Rugliano              per l’editore Battello Stampatore, con nuove testimonianze              ed apparati, annali e indice dei nomi, utili a reperire le              notizie nel testo. Il volume è sia in italiano che in              sloveno con il titolo “KL Draga Lidia”, nella traduzione              di Veronica Brecelj. Vi hanno collaborato il regista Marko              Sosič, Franco Però Direttore del Teatro Rossetti-Teatro              Stabile del Friuli Venezia Giulia, Livia Amabilino              Presidente del Teatro La Contrada e Ariella Reggio              attrice, anima di questo Teatro nonché collega ed amica              della Kozlovich, Renzo Stefano Crivelli autore dell’Altro              Monologo, con cui ha dato voce a Nora Joyce interpretata              dalla Kozlovich al Teatro Rossetti, Andrea Germani, suo              allievo all’Accademia presso il Teatro La Contrada, Paolo              Quazzolo che l’ha voluta docente al DAMS all’Università di              Trieste, l’amico poetico dell’ultimo periodo  Franco Bruno e Gianni              Gori, che le ha sottoposto dei copioni radiofonici proprio              di personaggi storici, tra cui quello di Maria Callas,              riproposto ultimamente in ben tredici puntate dalla RAI.
               
       
Seguirà                un aperitivo rinforzato! Costo Euro 20.00 di cui offerta                Euro 5.00 pro-Associazione. Dare al più presto conferma.                Venire con maschera e guanti. Le distanze anti contagio                saranno rispettate.
           

               
- Venerdì 19 giugno alle            ore 18.00 presso                il Ristorante Marina San Giusto the                      Roof:
       
Concerto                        di primavera. Avremo con noi l’arpista                        Irene                          Pauletto. L'arpa,                            uno degli strumenti più antichi e                            affascinanti! Seguirà un aperitivo                            rinforzato. Costo Euro 25.00 di cui offerta                            Euro 5.00 pro-Associazione.                        Dare al più presto conferma. Venire con maschera                        e guanti. Le distanze anti contagio saranno                        rispettate.
               
Nata nel            1999, Irene Pauletto ha iniziato lo studio dell’arpa a 6            anni presso la scuola di musica della Fondazione musicale            Santa Cecilia di Portogruaro con il M° Nicoletta Sanzin dove            si è diplomata nel settembre 2017 con 10, lode e menzione            speciale. Si è inoltre perfezionata con Mario Falcao,            Letizia Belmondo e Patrizia Tassini.            Ha              partecipato al Torneo Internazionale di Musica di Parigi              ottenendo il diploma d’onore e, superata la selezione, nel              luglio del 2017 si è esibita al “Focus on Youth”              nell’ambito del 13° Congresso Mondiale dell’arpa tenutosi              ad Hong Kong.
       



Trieste - Via Don Minzoni, 5 - 040/314368 - 346/8382344
Torna ai contenuti